Leggere In Vetta ritorna in versione invernale

programma hiver

Annunci

Leggere pop

Se ci avete seguit* nelle tappe del nostro viaggio estivo sulle montagne valdostane sapete che ci piace intrufolarci nelle feste di paese, che non disdegniamo le sagre, i mercatini, i raduni degli amanti dei cani o dei fiori, le serate negli ostelli o nei rifugi che ospitano escursionisti pronti a cimentarsi con le salite più ardue pur di vedere il mondo dall’alto di una cima. Il fatto è che per noi i libri non dovrebbero essere “merce” per pochi, strumenti di conoscenza ma anche di diletto per una élite acculturata, non dovrebbero essere solo cercati appositamente nei luoghi deputati, biblioteche o librerie, ma incontrati per strada, per pura casualità perché fanno o dovrebbero fare parte integrante della nostra quotidianità, qualunque essa sia, in città, in vacanza, al mare o in montagna.

Siamo dei nostalgici delle librerie alle Feste dell’Unità, quando tra uno gnocco fritto e una costina di maiale si potevano sfogliare i libri degli Editori Riuniti o di Feltrinelli, siamo dei cultori dei banchetti di libri nei centri sociali che propongono editori indipendenti, critici e ribelli che quasi mai trovate nelle librerie tradizionali, men che meno nelle librerie di catena. Siamo dell’avviso che la lettura sia un “atto pop”, prima di tutto, perché nasce dal nostro generale, basico, popolarissimo bisogno di storie.

Romanzi mainstream, brutti libri commerciali confezionati in base a quello che si ritiene essere il gusto comune non ci interessano. Noi portiamo libri interessanti, ben pensati e ben scritti da autori poco conosciuti o del tutto ignoti ai più, dove si mangia polenta e spezzatino, proponiamo saggi di antropologia, di filosofia, di politica, di critica cinematografica, di teatro dove si assaggiano con piacere indubbio le tome d’alpeggio e certi caprini erborinati che stanno facendo grandi gli allevatori locali. E diamo anche una mano ai patiti delle camminate e delle ascese eroiche consigliando libri che servono a capire meglio l’ambiente naturale alpino e ad allargare lo sguardo a temi come la decrescita, i beni comuni come l’acqua, l’antropozoologia.

Abbiamo fatto in questi mesi e continuiamo a fare tutto questo fino agli ultimi giorni di agosto grazie al lavoro e alla passione di Simone Scaffidi Lallaro, Matteo Castello, Francesca Schiavon e Viviana Rosi, grazie all’accoglienza e all’appoggio entusiastico di bilioteche comunali, associazioni, albergatori, ristoratori e rifugisti. Grazie soprattutto agli editori indipendenti che hanno creduto nel nostro progetto.

Ci aspetta ora una quattro giorni alla sagra gastronomica più importante del paese in cui ha sede la nostra casa editrice (non vi diciamo per non spaventarvi cosa sono esattamente i “teteun”…), dove presenteremo alcuni libri che abbiamo pubblicato e dove suggeriremo buone letture, critiche, curiose, indipendenti e ovviamente pop.

mucca

Una domenica a Champorcher

“Leggere in vetta” saluta Chamois e si trasferisce per un’intera giornata a Champorcher. In programma la partecipazione al mercatino dei prodotti a km zero organizzato in occasione della festa del “sargnum”, nome impronunciabile di un formaggio povero tradizionalmente prodotto in alpeggio mescolando con erbe aromatiche il residuo della lavorazione casearia.

loc champ

Con noi tanti interessanti libri green, saggi sulla decrescita felice, sui beni comuni, sull’ambiente, su orti, piante, fiori ecc.  

LATOUCHE cover.indd

Alle ore 16 giochiamo con la storia raccontata in Viola e i segreti dell’orto di montagna, disegniamo, coloriamo, ritagliamo e impariamo un sacco di cose sulle verdure dell’orto. Alle ore 21, invece, parliamo della passione per la scrittura con due simpatiche autrici valdostane, Giacinta Baudin e Laura Costa Damarco.

viola_cop

Libri sotto il sole

Abbiamo inseguito le nuvole, sperato che il sole si affacciasse tra le montagne come di consueto accade in estate, forte, sfacciato, sfavillante sull’erba dei prati e sulle acque dei torrenti. Invece, niente o quasi. Allora abbiamo letto sotto la pioggia, parlato di libri in mezzo ai fulmini che illuminavano a giorno le vallate, costruito ricordi di un’estate mancata in cui le storie, quelle stampate, hanno saputo egregiamente tenere a bada l’inquietudine. Ora pare che il sole arriverà e allora abbiamo pensato di festeggiarlo con molta poesia, poesia civile, per lo più, poesia fresca e accuminata che ci riporta al mondo e ai suoi mali. Con coraggio andremo a leggerla ai piedi di un colle che è confine e transito secolare, porta aperta per gli elefanti di Annibale, per le truppe ancora rivoluzionarie di un Napoleone stendhaliano, sublime location alpina degli slanci visionari di Turner.

A Ferragosto, quindi, niente barbecue, ma molte poesie lette in salita, lungo la stretta via che percorre il borgo di Saint Rhémy. E poi ancora poesie il giorno dopo a Vens, accanto a una vecchia fontana in faccia al Monte Bianco. Ma niente grigliata e soprattutto nessun lirismo facile facile.

A Ferragosto saremo cattiv*, intelligenti, impegnat* (come lo sono i libri degli editori indipendenti che ci accampagnano in questo viaggio), perché convint* che l’otium latino non sia solo una formuletta da liceali velleitari.

vens poesia

Ferragosto poetico ad alta quota #26

Venerdì 15 agosto saremo all’Hotel Suisse con il nostro bagaglio di piccoli editori e con due poeti migranti e nostrani: Mario Badino presenterà e leggerà il suo Cianfrusaglia e Giulio Gasperini farà lo stesso con il recentissimo Migrando entrambi editi da End.

10455171_318683781641415_561117437789012921_n

Siate lettori indipendenti

Dai primi di luglio giriamo qua e là per la Valle d’Aosta con i libri della nostra casa editrice, le edizioni End, e con quelli di altri 15 editori indipendenti. Abbiamo chiesto di aderire a “Leggere in vetta” a editori piccoli o medi che ci piacciono per vari motivi, prima di tutto perché pubblicano libri interessanti, romanzi di qualità, saggi che affrontano temi culturali, politici e sociali con spirito militante e intelligenti storie per bambine e bambini magnificamente illustrate. Avremmo potuto chiedere ad altri quindici o venti o trenta piccoli editori di aderire alla nostra iniziativa, ma amiamo viaggiare leggeri per le strade della nostra regione e soprattutto pensiamo che ciascun libro, tra i tanti ma non troppi che proponiamo negli ostelli o nei rifugi di montagna, sui prati o nei villaggi alpini dove piazziamo il nostro tavolino, debba avere il giusto spazio per essere scoperto.

Perciò eccoci qui, in questo strano agosto pieno di nuvole che corrono sulle cime dei monti, a invitarvi ad essere sempre di più dei lettori curiosi e indipendenti. Indipendenti come lo siamo noi e gli altri editori che ci accompagnano in questa avventura.

IMG_4310

Scritture-animali1-170x170A proposito. Oggi sono finalmente arrivati i bellissimi libri della casa editrice duepunti di Palermo. Hanno fatto un lungo viaggio per arrivare fino in vetta e siamo felici di averli con noi.

images